I dati raccolti verranno trattati ai sensi del D. Lgs. 196/03. Il titolare del trattamento dati è Consultique S.p.A [privacy policy]

* Campi obbligatori

Sul bond CariRimini pesa l’assenza di prezzi

20/03/2017

Sul bond CariRimini pesa l’assenza di prezzi
La liquidità è di fatto inesistente
e non c’è neanche una quotazione
o altro valore di riferimento.
Scoprite gli altri dettagli nella nostra
analisi su Plus24 di sabato 18 marzo



Il titolo sottoscritto dal lettore è un bond subordinato Tier II emesso da Cassa di Risparmio di Rimini nel gennaio 2015. Il bond prevede il pagamento di cedole semestrali al tasso fisso annuo del 2,50% e il rimborso è previsto alla scadenza in un’unica soluzione il 12 gennaio 2020.
 
  • L'emissione
Il bond non è ammesso alla quotazione in nessun mercato e non esistono fonti di prezzo Otc (over the counter), ovvero fuori mercato. È anche specificato nel prospetto che l’emittente non si impegna all’acquisto diretto dai possessori che ne facciano richiesta. Pertanto la liquidità di questo strumento è di fatto inesistente e non esiste nemmeno una quotazione di mercato.
 
  • Gli scenari di probabilità
Dato che il bond non è quotato, che non vi sono bond subordinati dello stesso emittente scambiati sui mercati regolamentati e che non esistono neanche quotazioni di Cds (credit default swap) si è dovuto svolgere l’analisi considerando dati di mercato riferiti a titoli di emittenti con un merito di credito simile. Pertanto i valori risultanti sono da intendersi come indicazione di massima.
Secondo i calcoli svolti dagli analisti di Consultique questo bond ha una probabilità del 17% di perdere circa 77 euro su 100 iniziali (valore di recupero circa 23 euro) e del 83% dei casi può consentire un guadagno interessante dato da un rimborso atteso di 107,50 euro. Tali scenari sono coerenti con uno spread di credito di circa il 4% e una valorizzazione del bond poco più di 93 euro per 100 di nominale.

 
  • La banca
L’istituto di Rimini si trova in una situazione di difficoltà ormai da molti anni a causa di una gestione che ha portato al dissesto e causato, nel 2010, l’intervento di Banca d’Italia in amministrazione straordinaria. Questa si è conclusa due anni dopo e da allora la banca ha fatto notevoli sforzi per il contenimento dei costi e il ritorno a una gestione in utile. Ovviamente il contesto generale del sistema bancario non ha aiutato in alcun modo e, allo stato attuale, la patrimonializzazione è ancora inferiore alle richieste dell’autorità di vigilanza. In particolare nel 2015 l’ispezione della Banca d’Italia ha evidenziato carenze di capitale (ha richiesto un Cet1 al 7,80% contro il 6,22% rilevato).

Per far fronte alla ricapitalizzazione necessaria l’istituto ha fatto una richiesta preliminare di assistenza da parte dello schema volontario del fondo interbancario di tutela dei depositanti. A seguire potrebbe essere interessata all’acquisto Cariparma (gruppo Credit Agricole), ovviamente con un’offerta di mercato che comporterebbe una drastica riduzione di valore delle azioni e l’estromissione pressoché completa degli attuali soci. Vi è anche l’interessamento di un soggetto inglese che potrebbe intervenire e rilevare parte della banca a condizione che sia ripulita dai crediti deteriorati.

L’ultima ispezione di Banca d’Italia, conclusasi nel 2016, non sembra aver rilevato particolari problematiche nella gestione (la relazione però è riservata) ma ha ritenuto non congruo il prezzo delle azioni e innalzato l’ammontare richiesto per la ricapitalizzazione.

Le probabilità di perdere e di guadagnare

Attuale profilo di rischiosità, che emerge con gli scenari probabilistici, del bond Subordinato emesso da Cassa di Risparmio di Rimini nel gennaio 2015.
 
  • Il quesito del lettore e caratteristiche dell'emissione
Ho in portafoglio un bond subordinato della Cassa di Risparmio di Rimini che acade nel 2020 e paga cedole annue del 2,5% (Isin IT0005069890) e ho intenzione di portarlo a scadenza. Viste le ultime vicende che hanno coinvolto banche radiate in alcune province lungo la Penisola, che rischi corro con il mio investimento?
 
  • Caratteristiche dell'emissione
Subordinato Tier II
Codice Isin: IT0005069890
Cedole annue del 2,5% pagate semestralmente
Data Emissione: 12 gennaio 2015
Data scadenza: 12 gennaio 2020
Valore all’emissione: 100
Prezzo: non quotata
Cedole pagate finora: 5,00 €*


(*) calcolate su 100 euro investiti alla sottoscrizione
 
  • Scenari probabilistici
EVENTI il risultato è NEGATIVO Il risultato è NEUTRALE Il risultato è SODDISFACENTE
PROBABILITA' EVENTI 17,00% n.d. 83,00 %
RISULTATO NETTO A SCADENZA 23,03 € n.d. 107,47 €
 
 
  • Grado di rischio
MOLTO BASSO BASSO MEDIO - BASSO MEDIO > MEDIO - ALTO < ALTO MOLTO - ALTO

Per gli scenari probabilistici i calcoli fanno riferimento alla situazione di mercato corrente e non a quella relativa all’epoca dell’emissione.


© Riproduzione riservata
Pubblicazioni ed analisi

19/01/2021MONDOINVESTOR: Le diverse sfumature di investimento nei Paesi emergenti tramite Etf

Intervento su Mondoinvestor da parte di Rocco Probo, analista dell'Ufficio Studi e Ricerche di Consultique, sugli ETF investono nei mercati dei Paesi emergenti.

19/01/2021Facebook forza la privacy per far evolvere il suo business nei pagamenti elettronici

Su INVESTIRE del 12 gennaio intervento di Rocco Probo, analista  di Consultique, su Facebook che spinge per far evolvere il suo business nei pagamenti elettronici

19/01/2021Twitter censura Trump. Per evitare la revisione della Section 230

Su INVESTIRE del 14 gennaio intervento di Piermattia Menon, analista  di Consultique, sulla censura di Twitter a Trump

12/01/2021Plus24: Le regole dell’Etc che consente il rimborso in oro fisico

Su Plus 24 de "Il Sole 24 Ore" di sabato 9 gennaio l'Ufficio Studi di Consultique risponde a un lettore sugli strumenti che permettono di replicare il mercato aurifero

visualizza tutti
Condividi linkedin share facebook share twitter share pinterest share
Sigla.com - Internet Partner