I dati raccolti verranno trattati ai sensi del D. Lgs. 196/03. Il titolare del trattamento dati è Consultique S.p.A [privacy policy]

* Campi obbligatori

Capitale garantito, un'illusione pagata cara

07/06/2004

Fonte: La Stampa; 07/06/2004

 

I PRODOTTI PIU’ TRASPARENTI SONO I FONDI. MOLTO MENO CHIARO IL FUNZIONAMENTO DI UNIT E INDEX LINKED

Capitale garantito, un’illusione pagata cara

       ---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Gestione e assicurazioni “protette” nascondono alte commissioni

Inchiesta Francesco Spini

      APRIRESTE l’ombrello quando in cielo splende il sole o, perlomeno, ha smesso di piovere? E’ lo stesso dubbio che oggi si ritrova chi, allo sportello, dopo aver dichiarato una bassa propensione al rischio, si sente proporre una soluzione a capitale protetto o garantito, che difende o punta a difendere - la distinzione è importante - in tutto o in parte quanto inizialmente investito, mentre sui listini le cose vanno lentamente migliorando. E’ la carica dei prodotti che, dopo boom negli anni dell’Orso, oggi rialzano la testa, complici i recentiscandali e l’incertezza geopolitica che movimentano le notti degli investitori.


Più che un catalogo, una giungla: si va dalle intricate obbligazioni strutturate alle ormai tradizionali polizze assicurative Vita in molteplice declinazione (index e unitlinkeda capitale protetto e/o garantito), fino alle gestioni patrimoniali in fondi, ai fondi comuni di investimento e ai comparti di scav. Ognuno utilizza strategie differenti, ma la controindicazione è uguale per tutti: pensare di poter spuntare rendimenti superiori anche solo di un titolo di Stato di pari durata è, nella maggior parte delle ipotesi, pura illusione. Inoltre, nonostante sianon una soluzione “psicologica” per chi è stato scottato dall’esperienza in Borsa, è sconsigliabile puntarciin dosi massicce: anche in questo caso va privilegiata un’adeguata diversificazione.


 


TRASPARENTI. I prodotti meno pericolosi e più trasparenti sono i fondi comuni di investimento che, nel campo delle soluzioni “a paracadute”, si dividono in due famiglie: garantiti e protetti. “Per i primi - spiega un analista di Cfs Rating - le tecniche di difesa del capitale si concretizzano con l’aggiunta di coperture assicurative o di opzioni put, il cui costo, ovviamente ricade sugli investitori”.


Come? Attraverso le commissioni di gestione “che nel caso di garantiti arriva a una media dell’1,27%, chiaramente comprensiva della garanzia”. Con ripercussioni, quindi, “anche sulle performance - aggiunge Giovanni Familiari, analista di Morningstar - che saranno necessariamente intaccate da tali costi”.


Altra invece è la situazione dei protetti, ben più diffusi con circa una quarantina di fondi. Questi non propongono certezze in fatto di rendimento o di salvezza di capitale, ma solo una metodologia adeguata per preservare in tutto o in parte quanto l’investitore ha inizialmente versato. “In questo caso - prosegue l’analista di Cfs Rating - la media delle commissioni di gestione scende all’1,1%. Un costo che lì per lì potrebbe sembrare congruo. “Ma se si dà uno sguardo alla composizione media di un fondo protetto (vedi grafico a torta in alto, ndr), si scopre che la componente di azionario supera di poco il 20%, per il resto occupa la componente di liquidità e obbligazionaria a breve termine”. La morale è conseguente. “Si paga una dinamicità che nella realtà non si riscontra, in un momento in cui c’è una positività sull’azionario la parte a rischio basso è molto elevata”.


La trasparenza, grazie agli interventi dell’Autorità di vigilanza, la Consob, è comunque molto migliorata, attraverso l’introduzione, all’interno del foglio informativo, di un’approfondita descrizione delle tecniche di gestione e di un prospetto - che non dovrebbe sfuggire ad un attento esame dell’investitore prima della sottoscrizione - che mostra la probabilità del prodotto di riportare un ritorno superiore ai titoli di Stato. Possibilità che, è bene saperlo, non supera il 40%.


 


OSCURI. Una trasparenza che invece non si riscontra ancora nelle gestioni patrimoniali in fondi. “A cominciare dalla valorizzazione della quota - fa notare Familiari - . Se nei fondi è pubblica e si può trovare di giorno in giorno sui quotidiani, per le gestioni non è così, ma ci si deve affidare alla documentazione periodica”. Senza contare le doppie commissioni - queste in comune con i prodotti sprovvisti di scudo - e i costi degli spesso inutili derivati posti a copertura dei crash del mercato. Certo, rispetto ad alcuni anni fa la situazione è migliiorata, ma “il prezzo del derivato posto a copertura - fa notare Cesare Armellini, presidente della società di consulenza indipendente Consultique - spesso non è adeguato, in quanto, il derivato è finalizzato a ridurre il rischio della parte azionaria dell’investimento. Il suo costo, quindi, andrebbe proporzionato, come importo, non all’intero investimento, ma solo alla componente legata al mercato borsistico”.


 


COSTI ECCESSIVI Ma se cerchiamo il vero ginepraio del bizantinismo finanziario, l’indirizzo porta scritto assicurazioni. “Se parliamo di index linked - dice Armellini - e dei loro meccanismi di rendimento, beh allora possiamo tranquillamente dire che tentare il rosso e il nero alla roulette comporta rischi maggiori, certo, ma possibilità di rendimento superiori, pari al 50%, percentuale che non si riscontra invece in tali prodotti, cari e sopravvalutati”.


Se invece vogliamo lo sguardo ai fondi assicurativi, le cosidette unit linked, “spesso manca una reale allocazione degli investimenti: accanto a una componente a rischio zero, una minima parte viene investita, con commissioni di gestione  molto elevate”: Un 2%, se viene imputato alla parte effettivamente gestita.

Pubblicazioni ed analisi

08/11/2017Dal 2007 i fondi pensione hanno battuto il Tfr

Su Plus 24 del "Il Sole 24 Ore" l'intervista a Giuseppe Romano, direttore dell'Ufficio Studi Consultique sul rendimento dei fondi pensione 

01/11/2017Un’esposizione al settore delle utility come safe haven dai rischi geopolitici

L’escalation della crisi nordcoreana potrebbe indurre gli investitori a spostarsi su settori più difensivi, a protezione del proprio portafoglio. L'intervista all'Ufficio Studi e Ricerche Consultique

01/11/2017La frontiera del mercato africano è a portata di Etf su Borsa Italiana

Prima spinta economica dell'Africa del Sud. L'analisi dell'Ufficio Studi e Ricerche Consultique a cura di Rocco Probo

23/10/2017Tutti gli strumenti per puntare sulla ripresa argentina

Su Plus 24 de "Il Sole 24 Ore" l'analisi del nostro Ufficio Studi e Ricerche per chi vuole investire sulla ripresa argentina
visualizza tutti
Condividi linkedin share facebook share twitter share google+ share pinterest share
Sigla.com - Internet Partner