I dati raccolti verranno trattati ai sensi del D. Lgs. 196/03. Il titolare del trattamento dati è Consultique S.p.A [privacy policy]

* Campi obbligatori

Come coprire il gap pensionistico

29/10/2018

Come coprire il gap pensionistico
Dai fondi chiusi alle assicurazioni, i prodotti sul mercato non mancano. Per scegliere bene, l’investimento va valutato in base mal proprio profilo di rischio. Ferrari (Consultique): “Occhio alla componente costi”

Il gap medio tra primo “assegno” pensionistico e ultimo stipendio si aggira oggi tra l’82% e l’87 per cento. È quanto emerge da una simulazione effettuata da Consultique per conto di Focus Risparmio. Un gap che potrà essere colmato ricorrendo alla previdenza integrativa (vedi tabelle in pagina), grazie anche ai vantaggi fiscali connessi: i contributi versati a forme di previdenza complementare sono infatti deducibili dal reddito complessivo dichiarato ai fini Irpef per un importo massimo di 5.164,57 euro. “Tuttavia, un aspetto molto importante che va preso in considerazione è che i contributi versati non possono essere svincolati fino al momento del pensionamento, salvo alcune eccezioni”, spiega Paola Ferrari, analisti dell’ufficio studi e ricerche di Consultique.

I FONDI CHIUSI

L’adesione alla previdenza integrativa può avvenire attraverso un fondo pensione chiuso, aperto o un Pip. I fondi pensione chiusi, o negoziali, sono istituiti dai contratti o accordi collettivi e prevedono l’adesione al fondo dei soli lavoratori che ne sono rappresentati. “Una soluzione che privilegiamo in Consulqitue, in quanto fondi che hanno commissioni più contenute rispetto agli altri prodotti di Andra Dragoni
– argomenta Ferrari – Inoltre, se oltre al Tfr il lavoratore versa anche un contributo volontario, allora può godere del vantaggio del contributo del datore di lavoro”.

APERTI

Alternativa ai fondi chiusi sono i fondi pensione aperti, istituiti da banche, Sim o Sgr, a cui chiunque può aderire. Il ventaglio presente sul mercato è molto ampio. “Al fine di scegliere il prodotto migliore abbiamo elaborato un modello di rating proprietario – sottolinea Ferrari – Un indicatore sintetico che assegna un giudizio da 1 a 5 stelle (i fondi migliori sono quelli con 4-5 stelle, ndr). Per l’assegnazione del rating la nostra metodologia prevede l’utilizzo di diverse variabili, sia quantitative, come i costi e il rendimento degli ultimi 3 anni, sia qualitative, come la garanzia del capitale e la dimensione del patrimonio. Ogni linea di ciascun fondo viene valutata rispetto ad altre linee della medesima categoria, la media ponderata dei posizionamenti delle varie linee esprime la posizione nella classifica generale”.

E LE ASSICURAZIONI

Infine, altri prodotti di previdenza integrativa a cui tutti i lavoratori possono aderire sono i contratti di assicurazione sulla vita: Pip di ramo I, polizze tradizionali collegate a gestioni separate e Pip di ramo III (polizze unit-linked collegate a fondi interni) istituiti da un’impresa di assicurazione. “Questi ultimi, però, risultano meno efficienti rispetto ai fondi pensione, in quanto sono spesso gravati da costi più alti”, puntualizza Ferrari.

Il ventaglio di prodotti previdenziali è molto ampio. Per questo è importante prestare attenzione alla componente dei costi e individuare poi all’interno di ogni prodotto la linea di investimento più adatta sulla base del proprio profilo di rischio. “Data la finalità previdenziale dell’investimento, tendiamo a sconsigliare le linee azionarie, caratterizzate da un alto profilo di rischio”, conclude l’analista di Consultique.
Pubblicazioni ed analisi

19/11/2018Gli strumenti per esporsi alla crescita irlandese

Su Plus 24 de "Il Sole 24 Ore" l'articolo su gli strumenti per chi vuole investire sul mercato irlandese

19/11/2018Un pac per smussare l’emotività

Su Plus 24 de "Il Sole 24 Ore" di sabato 17 novembre l'interista a Rocco Probo, analista Ufficio Studi e Ricerche, in merito al Pac sui fondi di investimento

12/11/2018Se la Polizza sulla vita rende tantissimo è meglio non firmarla

Intervista a Giuseppe Romano, direttore Ufficio Studi e Ricerche Consultique su la rivista "il venerdì" di Repubblica in merito alle polizze unit linked.

10/11/2018Fondi Pensione Aperti (FPA): su Plus24 di sabato 10 novembre, il rating aggiornato a cura di Consultique

Su Plus24 de "Il Sole 24 Ore" di sabato 10 novembre 2018, ecco il rating dei migliori Fondi Pensione Aperti (FPA), elaborato dall'Ufficio Studi e Ricerche di Consultique.
visualizza tutti
Condividi linkedin share facebook share twitter share pinterest share
Sigla.com - Internet Partner