I dati raccolti verranno trattati ai sensi del D. Lgs. 196/03. Il titolare del trattamento dati è Consultique S.p.A [privacy policy]

* Campi obbligatori

Fondi pensione, il rebus della tassa sul capitale

22/05/2004

Fonte: PLUS, Il Sole 24 Ore; 22/05/2004

 

Fondi pensione, il rebus della tassa sul capitale

 

Nel dicembre del 2003 io e mia moglie abbiamo deciso di aderire ad un fondo pensione aperto soprattutto per i “presunti” vantaggi fiscali e con l’intenzione di proseguire tale investimento per qualche anno per poi optare per la prestazione interamente sotto forma di capitale (in quanto la rendita rivalutabile sarà inferiore all’assegno sociale). Qual è la tassazione della prestazione erogata sotto forma di capitale?


                                                                                                                                                                                                                                                                                                     F. Marco (Brescia)

.............................................................................................................................................................


 

Le prestazioni pensionistiche corrisposte in forma di capitale (erogabili, in via generale, nel limite massimo del 50% del montante) sono assoggettate a tassazione separata.


L’imponibile è determinato al netto della componente finanziaria che ha già scontato l’imposta sostitutiva dell’11% in capo al fondo, nonchè dei contributi eventualmente non dedotti. L’aliquota andrà calcolata, da parte del sostituto d’imposta, assumendo come reddito di riferimento l’importo maturato al netto dei contributi non dedotti e dei redditi già assoggettati ad imposta (ad eccezione  dei casi previsti dalla legge), e dividendo questo ammontare per il numero degli anni e frazione di anno di contribuzione. L’importo corrispondente a tale rapporto moltiplicato per 12 costituisce il cosidetto “reddito di riferimento”. Si determina, inoltre, l’aliquota media, che si ottiene moltiplicando l’imposta relativa al reddito di riferimento per 100 e dividendo il suo importo per tale reddito. L’aliquota media deve essere applicata all’ammontare imponibile della prestazione erogata in forma di capitale, al netto delle voci sopra citate. A tale calcolo seguirà, da parte dell’ Amministrazione finanziaria, la riliquidazione dell’imposta in base all’aliquota media di tassazione del contribuente relativa ai cinque anni precedenti a quello in cui è sorto il diritto alla percezione. La tassazione operata dal sostituto rappresenta, quindi, soltanto un’anticipazione dell’imposta dovuta dal contribuente. A tal fine gli Uffici procedono, entro il 31 dicembre del terzo anno successivo a quello di presentazione della dichiarazione del sostituto d’imposta, a determinare la predetta aliquota media, effettuando il rapporto tra somma delle imposte calcolate con riguardo al reddito complessivo del contribuente, al netto degli oneri deducibili e senza considerare i crediti d’imposta, di ciascuno dei cinque anni preceddenti e la somma dei redditi stessi considerati.


Dalla riliquidazione effettuata, potrà derivare una maggiore imposta dovuta, che verrrà iscritta a ruolo degli Uffici finanziari, ovvero una minore imposta che verrà automaticamente rimborsata dagli stessi Uffici.


Ad esempio, secondo i calcoli della società di consulenza indipendente Consultique, ipotizzando stazionarietà negli ultimi 5 anni di scaglioni Irpef (aliquota marginale 39%) e reddito complessivo dichiarato pari a 40mila € ed una prestazione pensionistica in forma capitale di 25mila euro soggetta a tassazione separata e cinque anni di contribuzione, il sostituto d’imposta applicherà un’aliquota del 32,18% (trattenendo 8.045 €), ed in fase di riliquidazione degli Uffici finanziari terranno contodi un’aliquota pari a 28,78% (equivalenti a 7.195 euro), rimborsando la differenza. In genere, l’aliquota di tassazione separata è inferiore a quella marginale Irpef del contribuente.

Pubblicazioni ed analisi

21/09/2021Fondi Pensione Aperti: su Plus24 il rating aggiornato al 31 luglio 2021

Su "Plus24 de "Il Sole 24 Ore" di sabato 18 settembre il rating aggiornato sui Fondi Pensione Aperti, elaborato dall'Ufficio Studi di Consultique

21/09/2021PLUS24•POLIZZE SOTTO LA LENTE: Il peso dei costi sulla unit Mediolanum New Generation

Su Plus 24 de "Il Sole 24 Ore" di sabato 18 settembre la rubrica "Polizze sotto la lente" a cura del Centro Studi Consultique

21/09/2021Consulenza e trading, una convivenza (quasi) impossibile

Su We-Wealth.com del 20 settembre intervista a Luca Mainò, co-fondatore di Consultique SCF, su consulenza e trading

09/09/2021Corriere Economia: Fondo pensione più forte del Tfr: i conti da fare e come scegliere il comparto su misura

Su Corriere Economia del 8 settembre analisi sulle performance tra pensione integrativa e TFR, da parte di Paola Ferrari dell'Ufficio Sudi e Ricerche Consultique
visualizza tutti
Condividi linkedin share facebook share twitter share pinterest share
Sigla.com - Internet Partner