I dati raccolti verranno trattati ai sensi del D. Lgs. 196/03. Il titolare del trattamento dati è Consultique S.p.A [privacy policy]

* Campi obbligatori

Istituti e reti lavorano in conflitto d'interesse

14/02/2004

Fonte: Plus, Il Sole 24 Ore; 14/02/2004

 

Consulenti indipendenti / Parla Armellini (Consultique)

Istituti e reti lavorano in conflitto d'interesse

 

Cesare Armellini, presidente di Consultique, un network di consulenti finanziari indipendenti avviato nel 2000 e al quale attualmente aderiscono circa 60 realtà in tutta Italia, non ha dubbi su come vengono collocati certi prodotti ai risparmiatori: <Il venditore è sotto pressione per via dei budget di prodotto e soprattutto si muove nei confronti del cliente in conflitto di interesse, in quanto non colloca i prodotti migliori in senso assoluto per il risparmiatore, quindi quelli che effettivamente rispondono alle sue necessità, ma quelli che ha in portafoglio e sui quali percepisce delle commissioni>.

 

Ma come riesce in questa operazione? 

Il promotore o l'addetto titoli, solleticano quei bisogni del cliente che emergono grazie a campagne pubblicitarie e a tecniche di vendita; ma il risparmiatore nella maggioranza dei casi compra un prodotto/servizio senza capirne effettivamente nè il contenuto, nè soprattutto l'effetto negativo che avrà sulle proprie risorse.

 

Quando si verifica l'amara sorpresa?

Solo quando aprirà la scatola, vale a dire a scadenza e lo si vede con prodotti come Fip e obbligazione strutturate. In quanto alla prima abbiamo verificato che in molti casi il vantaggio fiscale, utilizzato come principale argomento di vendita, considerando i costi elevati previsti, di fatto si annulla totalmente.

 

E quindi come si può evitare tutto questo?

Solo rivolgendosi a una società indipendente e con analisti si è in grado di fare un'esatta radiografia dell'offerta sul mercato e si può fare una scelta in linea con i propri reali bisogni.

 

Ma attualmente in Italia il termine consulenza finanziaria viene utilizzato anche riferito ai promotori finanziari che hanno un mandato ecslusivo da banche e Sim. E in futuro?

Con la direttiva Ue sui servizi di investimento le cose potrebbero cambiare perché il promotore finanziario o l'assicuratore sono stati individuati come soggetti in conflitto di interesse. Quindi a questi sarà vietato fare consulenza. In poche parole ci dovrà essere una chiara distinzione tra promotore e consulente finanziario.

 

Lucilla Incorvati

 

 
Pubblicazioni ed analisi

15/04/2021SCF, un decollo un pò in ritardo

Bluerating: intervento di Luca Mainò, vicepresidente di AssoSCF, sullo sviluppo delle SCF in italia

13/04/2021Facebook macina utili nonostante polemiche e multe

Su INVESTIRE del 12 aprile intervento di Rocco Probo, analista di Consultique, sulla perdita di dati di FB

12/04/2021I trader non mollano Gamestop

Su INVESTIRE del 1 aprile intervento di Elia Pachera, analista di Consultique, sull'andamento "particolare" di GameStop

12/04/2021Il Giorno: Avviare uno studio professionale

Su Il Giorno intervento di Luca Mainò di Consultique su come avviare uno studio professionale
visualizza tutti
Condividi linkedin share facebook share twitter share pinterest share
Sigla.com - Internet Partner