I dati raccolti verranno trattati ai sensi del D. Lgs. 196/03. Il titolare del trattamento dati è Consultique S.p.A [privacy policy]

* Campi obbligatori

Istituti e reti lavorano in conflitto d'interesse

14/02/2004

Fonte: Plus, Il Sole 24 Ore; 14/02/2004

 

Consulenti indipendenti / Parla Armellini (Consultique)

Istituti e reti lavorano in conflitto d'interesse

 

Cesare Armellini, presidente di Consultique, un network di consulenti finanziari indipendenti avviato nel 2000 e al quale attualmente aderiscono circa 60 realtà in tutta Italia, non ha dubbi su come vengono collocati certi prodotti ai risparmiatori: <Il venditore è sotto pressione per via dei budget di prodotto e soprattutto si muove nei confronti del cliente in conflitto di interesse, in quanto non colloca i prodotti migliori in senso assoluto per il risparmiatore, quindi quelli che effettivamente rispondono alle sue necessità, ma quelli che ha in portafoglio e sui quali percepisce delle commissioni>.

 

Ma come riesce in questa operazione? 

Il promotore o l'addetto titoli, solleticano quei bisogni del cliente che emergono grazie a campagne pubblicitarie e a tecniche di vendita; ma il risparmiatore nella maggioranza dei casi compra un prodotto/servizio senza capirne effettivamente nè il contenuto, nè soprattutto l'effetto negativo che avrà sulle proprie risorse.

 

Quando si verifica l'amara sorpresa?

Solo quando aprirà la scatola, vale a dire a scadenza e lo si vede con prodotti come Fip e obbligazione strutturate. In quanto alla prima abbiamo verificato che in molti casi il vantaggio fiscale, utilizzato come principale argomento di vendita, considerando i costi elevati previsti, di fatto si annulla totalmente.

 

E quindi come si può evitare tutto questo?

Solo rivolgendosi a una società indipendente e con analisti si è in grado di fare un'esatta radiografia dell'offerta sul mercato e si può fare una scelta in linea con i propri reali bisogni.

 

Ma attualmente in Italia il termine consulenza finanziaria viene utilizzato anche riferito ai promotori finanziari che hanno un mandato ecslusivo da banche e Sim. E in futuro?

Con la direttiva Ue sui servizi di investimento le cose potrebbero cambiare perché il promotore finanziario o l'assicuratore sono stati individuati come soggetti in conflitto di interesse. Quindi a questi sarà vietato fare consulenza. In poche parole ci dovrà essere una chiara distinzione tra promotore e consulente finanziario.

 

Lucilla Incorvati

 

 
Pubblicazioni ed analisi

25/06/2017ETF e rischio cambio Scelta consapevole

Con gli ETF e gli strumenti “hedged” su quali mercati è possibile esporsi? Ecco il nostro intervento su Plus24 de "IlSole24Ore" di domenica 25 giugno.

23/06/2017I Test per la Francia non sono ancora finti: occhi puntati sull'Assemblea nazionale di giugno

Su MondoInvestor di maggio 2017 è intervenuto il nostro Ufficio Studi e Ricerche. La vittoria di Emmanuel Macron ha spinto verso l’alto i mercati azionari dell’Eurozona ma...
 

22/06/2017Exchange Traded Fund (ETF): su Plus24 il terzo rating di giugno a cura di Consultique

Su "Plus24 de Il Sole 24 Ore" di sabato 17 giugno 2017, ecco il rating aggiornato sugli ETF, il terzo di giugno, elaborato dall'Ufficio Studi e Ricerche di Consultique.

19/06/2017Armellini (Nafop): "Niente libera concorrenza senza l'offerta fuori sede"

Intervento del presidente NAFOP, Cesare Armellini, sul 30 bis, pubblicato su Advisor Online, riguardante la possibilità per i consulenti indipendenti di operare anche al di fuori dei propri studi professionali.
 
visualizza tutti
Condividi linkedin share facebook share twitter share google+ share pinterest share
Sigla.com - Internet Partner