I dati raccolti verranno trattati ai sensi del D. Lgs. 196/03. Il titolare del trattamento dati è Consultique S.p.A [privacy policy]

* Campi obbligatori

La lenta e costante marcia delle gestioni separate

11/06/2018

La lenta e costante marcia delle gestioni separate
Sono un antidoto alla volatilità e il loro meccanismo consente a chi vi aderisce di poter contare sulla garanzia dei contributi versati (al netto dei costi). In più, in questi tempi di tassi zero, va apprezzato il fatto che riescono a retrocedere anche parte del rendimento generato delle gestioni separate a cui sono legate. 

Per queste caratteristiche le linee assicurative Pip ramo I sono da preferire rispetto ai comparti più conservativi dei fondi pensione aperti tradizionali che invece subiscono le oscillazioni dei mercati e incassano cedole non certo in linea con i titoli inseriti nelle gestioni separate assicurative: e lo dimostrano i risultati evidenziati in tabella. Seppure con risultati in diminuzione, le linee Pip di ramo I sono riuscite negli ultimi anni a retrocedere risultati netti (a cui comunque bisogna togliere i caricamenti iniziali) abbastanza costanti superiori all’inflazione. Nel 2017 le linee legate a gestione separate hanno reso mediamente l’1,9%, secondo i dati Covip presentati giovedì.

«Le linee garantite dei fondi pensione risultano invece in questa fase di mercato piuttosto inefficienti, in quanto, al fine di garantire il capitale versato, investono in strumenti obbligazionari a breve termine e, dati i tassi di interesse molto bassi, il rendimento offerto al netto dei costi è molto basso, quasi nullo», come spiega Paola Ferrari analista di Consultique, dove trovano più interessante, come già detto per un target conservativo, i Pip ramo I. «La gestione separata, infatti, risulta essere vantaggiosa per la stabilità dei rendimenti e il consolidamento dei risultati», continua Ferrari. Infatti, le norme per il calcolo del valore della gestione separata impongono di valorizzare i titoli in cui è investita al prezzo a cui sono stati inizialmente acquistati (criterio del costo storico): solo nel momento in cui sono venduti vengono valorizzati all’effettivo prezzo di mercato. 

La possibilità della compagnia di incidere sul rendimento della gestione separata, attraverso la realizzazione discrezionale delle plus e delle minus latenti consente di gestire le performance future della gestione separata: per tale ragione questi prodotti si contraddistinguono per la stabilità. 
Inoltre, il rendimento realizzato, di anno in anno, resta definitivamente acquisito: esso, infatti, diventa la base sulla quale verrà effettuata la rivalutazione dell’anno successivo.


© RIPRODUZIONE RISERVATA
Pubblicazioni ed analisi

22/01/2021Plus 24: Investire nel mondo - PORTOGALLO

INVESTIRE NEL MONDO - Tutti gli strumenti per investire sulla economia portoghese

19/01/2021MONDOINVESTOR: Le diverse sfumature di investimento nei Paesi emergenti tramite Etf

Intervento su Mondoinvestor da parte di Rocco Probo, analista dell'Ufficio Studi e Ricerche di Consultique, sugli ETF investono nei mercati dei Paesi emergenti.

19/01/2021Facebook forza la privacy per far evolvere il suo business nei pagamenti elettronici

Su INVESTIRE del 12 gennaio intervento di Rocco Probo, analista  di Consultique, su Facebook che spinge per far evolvere il suo business nei pagamenti elettronici

19/01/2021Twitter censura Trump. Per evitare la revisione della Section 230

Su INVESTIRE del 14 gennaio intervento di Piermattia Menon, analista  di Consultique, sulla censura di Twitter a Trump
visualizza tutti
Condividi linkedin share facebook share twitter share pinterest share
Sigla.com - Internet Partner