I dati raccolti verranno trattati ai sensi del D. Lgs. 196/03. Il titolare del trattamento dati è Consultique S.p.A [privacy policy]

* Campi obbligatori

Plus24 - La Mifid è morta, viva la Mifid

20/01/2020

La Mifid è morta, viva la Mifid

È difficile dire se paga di più la trasparenza o l’opacità. Ma l’industria finanziaria di certo si interroga sul primo anno di operatività vera di Mifid2, innanzitutto per modificare le norme che impongono agli intermediari di comunicare l’incidenza dei costi sui risparmi affidati loro: da riformare un’eccessiva standardizzazione che mina la concorrenza, secondo Assoreti, e poca omogeneità dei criteri di misurazione dei costi. Obiettivo di Mifid era consolidare il rapporto di fiducia tra industria e clientela, agendo sulla trasparenza per sollecitare la crescita dell’educazione finanziaria degli italiani, così drammaticamente bassa. Ragione non sufficiente, dunque, ma necessaria per costruire una nuova relazione. Una risposta la può forse dare l’incrocio di tre classifiche. La prima riguarda il mese di invio al cliente della rappresentazione di costi e rendimenti: pervenuta a luglio e agosto in quasi tre casi su quattro. Attendere che le Borse recuperassero nel 2019 il calo dell’anno precedente è stato fondamentale, per evitare di diffondere cattive notizie tra i risparmiatori. Comprensibile per reti commerciali che hanno obiettivi dichiarati e che devono girare ai propri azionisti il dividendo del proprio lavoro. La seconda riguarda la lunghezza della documentazione per la clientela, dalle due alle 38 pagine: una forchetta ampia, che esplicita modalità diverse con cui le reti hanno interpretato il dettame Mifid2. Non sempre hanno abbondato nell’uso delle parole costi e commissioni, ma hanno provato a declinare l’obiettivo della norma esaltando completezza o sinteticità. La terza è sulla redditività delle reti di consulenti, cresciuta nell’ultimo anno soprattutto per i soggetti dalle dimensioni più rilevanti, come riporta Excellence Consulting in uno studio. Per le reti bancarie invece le regole Mifid2 pare abbiano disincentivato il collocamento del risparmio gestito, in calo dell’1%. Per avere la prova del nove occorrerà attendere le comunicazioni per il 2019, in modo da aggiornare le classifiche e trarne nuovi e più completi auspici. In attesa della rilevazione più importante: quella relativa all’impatto di Mifid2 sui clienti. Di cui probabilmente si occuperà Consob, il cui presidente ha dichiarato di essere cliente della consulenza indipendente.
 
Scarica l'articolo
Pubblicazioni ed analisi

20/10/2020Quote di accumulo: mancati versamenti, effetto Covid. Le conseguenze sui fondi pensione

Su LA STAMPA di lunedì 19 ottobre Giuseppe Romano, direttore dell'Ufficio studi di Consultique, risponde sul tema della pensione integrativa

19/10/2020Fondi Pensione Aperti: su Plus24 il rating aggiornato al 30 settembre 2020

Su "Plus24 de "Il Sole 24 Ore" di sabato 17 ottobre 2020, ecco il rating aggiornato sui Fondi Pensione Aperti, elaborato dall'Ufficio Studi e Ricerche di Consultique.

19/10/2020Plus24: Ex dirigente tentato dal lingotto d’oro

Su Plus 24 de "Il Sole 24 Ore" di sabato 17 ottobre Consultique risponde sul tema dell'acquisto dell'oro

17/10/2020Big Tech: La Section 230 potrebbe sparigliare le carte. Ma non gli utili.

Su INVESTIRE del 16 ottobre intervento di Rocco Proboanalista Consultique, su Big Tech/Trump/Biden e al Section 230
 
visualizza tutti
Condividi linkedin share facebook share twitter share pinterest share
Sigla.com - Internet Partner