I dati raccolti verranno trattati ai sensi del D. Lgs. 196/03. Il titolare del trattamento dati è Consultique S.p.A [privacy policy]

* Campi obbligatori

Plus24: Piccole Popolari ai raggi X

21/01/2020

Plus24: Piccole Popolari ai raggi X

Titoli quotati su Hi-Mtf: I fondamentali migliorano ma i titoli sono cari rispetto a Piazza Affari

Arretra l’incidenza dei crediti deteriorati: quasi tutti sotto il 100%
Il generale miglioramento dei fondamentali degli istituti di credito italiani negli ultimi anni ha interessato anche i titoli quotati su Hi-Mtf. Consultique da tempo monitora le dinamiche delle azioni popolari (e non solo) sia nelle dinamiche reddituali, sia patrimoniali. I consuntivi 2019 forniranno un quadro più completo e intanto «in base agli ultimi bilanci disponibili - spiega Rocco Probo, analista Consultique - escluso Bari, quasi tutte le altre hanno chiuso i conti in positivo e hanno in linea di massima migliorato gli utili. C’è stato anche un miglioramento dei crediti deteriorati o per effetto delle migliorate condizioni economiche oppure perché sono stati dismessi attraverso operazioni di cartolarizzazione». È molto difficile fare un ragionamento complessivo sugli istituti quotati su Hi-Mtf perché ci sono situazioni molto diverse e poi il meccanismo di contrattazione, con le bande di oscillazione e la scarsa liquidità sul mercato spesso impediscono un allineamento dei prezzi alle valutazioni fondamentali, se confrontate ad esempio con le banche italiane quotate su Borsa italiana. «A Piazza Affari - continua Probo - il price book value (indicatore patrimoniale, ndr) delle quotate è in media dello 0,42 a fronte dello 0,71 di Hi-Mtf. Le banche quotate su quest’ultimo listino risultano in media più care. Questa è la principale ragione per cui gli ordini in acquisto sono limitati e quindi anche i volumi». Ci sono poi casi in cui il price book value supera anche il livello di 1, come ad esempio nel caso di CR Ravenna o Asti. Teoricamente possono apparire titoli cari in termini di valutazione sui livelli patrimoniali. «In questo caso - aggiunge Probo - è un effetto della buona accoglienza del mercato verso gruppi che hanno una buona redditività e crediti deteriorati sotto controllo». Ogni singola storia quotata va quindi analizzata nelle sue varie sfaccettature. «In generale - conclude Probo - un primo campanello di allarme sui crediti deteriorati può essere il superamento della soglia del 100% e questo ha riguardato Bari, con la discesa del Cet1 sotto la soglia minima fissata dalla Vigilanza e l’intervento di Bankitalia con l’azzeramento dei vertici. In base agli ultimi bilanci disponibili, oggi solo Valconca supera il 100% mentre Civibank si avvicina con il 92%».

Pubblicazioni ed analisi

20/09/2020Il Sole 24 Ore: Conte & Co, un decalogo anti truffa per gli sportivi

Su "Il Sole 24 Ore" di domenica 20 settembre intervento di Giuseppe Romano, direttore dell'Ufficio Studi Consultique, sulle truffe finanziarie nel calcio

20/09/2020Plus24: In cerca di rendita tra polizza e “fai da te”

Su Plus 24 de "Il Sole 24 Ore" di sabato 19 settembre l'Ufficio Studi Consultique risponde a un lettore su una pensione integrativa

20/09/2020Fondi Pensione Aperti: su Plus24 il rating aggiornato al 31 agosto 2020

Su "Plus24 de "Il Sole 24 Ore" di sabato 19 settembre 2020, ecco il rating aggiornato sui Fondi Pensione Aperti, elaborato dall'Ufficio Studi e Ricerche di Consultique.

14/09/2020Plus 24: Investire nel mondo - Russia

INVESTIRE NEL MONDO - Tutti gli strumenti per investire sulla Russia
visualizza tutti
Condividi linkedin share facebook share twitter share pinterest share
Sigla.com - Internet Partner