I dati raccolti verranno trattati ai sensi del D. Lgs. 196/03. Il titolare del trattamento dati è Consultique S.p.A [privacy policy]

* Campi obbligatori

Plus24: Tra gli ETC e gli ETN perdite anche del 95%

21/03/2020

Plus24: Tra gli ETC e gli ETN perdite anche del 95%

INVESTIMENTI SOTTO STRESS: TRA GLI ETC E GLI ETN PERDITE ANCHE DEL 95%

Gli ETF con panieri più diversificati hanno sofferto meno rispetto a quelli con indici più concentrati

L’escalation di ribassi che hanno interessato i mercati finanziari dalla metà di febbraio ha prodotto conseguenze significative anche sulle quotazioni degli ETP (Exchange traded products), che comprendono ETF, ETC ed ETN. Strumenti che replicano passivamente e a basso costo gli indici sottostanti. Le ricadute si sono manifestate su tre versanti: 1) sul tracking error, con scostamenti più ampi tra l’andamento dei singoli ETP rispetto al sottostante; 2) sugli spread bid-ask (i prezzi di acquisto-vendita) che si sono allargati; 3) con ripercussioni anche sulla negoziabilità effettiva degli strumenti.
«Con molti titoli azionari incapaci di fare prezzo e buona parte delle emissioni corporate precipitato in una crisi di liquidità - spiega Giuseppe Romano, responsabile ufficio studi di Consultique - la replica del proprio benchmark per gli ETP è diventata sempre più difficoltosa, mancando di fatto una quotazione precisa del sottostante. Assenza di prezzo, ma anche ampi spread bid-ask dei sottostanti, si sono traslati nella quotazione in continua degli ETP, con gli operatori preposti a fornire liquidità in forte difficoltà ad essere presenti sui book di negoziazione con quotazioni e quantità. E senza i cosiddetti market maker, alcuni ETP sono stati sostanzialmente in balìa della semplice dinamica di domanda e offerta, trattando a sconto rispetto all’effettivo valore sottostante (Nav)». Sul più efficiente listino americano, anche i più grandi ETF al mondo sull’obbligazionario di iShares, Vanguard e State Street hanno visto il divario tra la quotazione e il Nav toccare punte del 4-6%, quando in genere viaggiano intorno allo 0,1-0,2%. Il fenomeno, comunque, si è osservato solo in alcuni frangenti, tanto che poi nelle sedute successive vi è stata una convergenza tra prezzo scambiato e Nav dell’ETP.
In media le quotazioni a sconto più ampie si sono registrate su asset class meno liquide, come l’azionario emergente e su buona parte delle asset class obbligazionarie: Corporate high yield, Corporate Investment Grade, Emergenti (vedi tabella a lato). Stessa dinamica che si è presentata sugli spread bid-ask medi regi-strati, con un ampliamento significativo nelle fasi di maggiore tensione. «Risulta evidente - prosegue Romano - che gli ETP con basket limitati di partecipazioni o titoli sono stati maggiormente colpiti da tali fenomeni: panieri ampiamente diversificati e con un frazionamento del peso dei singoli titoli hanno sofferto certamente meno (o per nulla) rispetto a indici concentrati. Questo è evidente, in particolare, sull’obbligazionario corporate Investment grade dell’Eurozona, dove gli indici replicati, possono variare, come numerosità titoli, tra 30 e 500». In questo contesto gli strumenti leverage hanno evidenziato perdite record, tanto da avvicinarsi ad un azzeramento delle quotazioni soprattutto tra gli ETC ed ETN che a Piazza Affari possono avere una leva massima a 3 (fino a 5 per cambi e reddito fisso). Un po’ come è successo con i certificati (vedi pagina 4), per i quali è ammessa una leva 7. Discorso a parte meritano gli ETF, che essendo fondi comuni Ucits, con un patrimonio segregato e una diversificazione obbligatoria, possono avere al massimo leva 2. «Per le caratteristiche dei prodotti a leva, la cui performance è ribasata a livello giornaliero, ampie variazioni in negativo (come successo per il petrolio), possono produrre variazioni record dello strumento finanziario. È il caso degli ETC che replicano, a leva 3, il prezzo del petrolio e che nel giorno di massimo ribasso di questa materia prima (-30%) hanno visto, per alcuni prodotti, performance vicine al -90%». Di sicuro gli strumenti a leva non sono adatti per i cassettisti. Per periodi superiori a un giorno la dinamica dell’ETP a leva diventa quasi autonoma rispetto al sottostante. Per esempio, se l’indice di riferimento ottiene il primo giorno +10% di performance e il secondo giorno -10%, un ETP short a leva 2 giornaliera registrerà -20% il primo giorno e +20% il secondo giorno. Nel complesso, però, l’indice perde l’1%, mentre l’ETP a leva perde il 4% e non il 2% come intuitivamente si è portati a credere. E in un mercato volatile, con significative variazioni giornaliere bidirezionali, le differenze di performance nel lungo periodo possono essere molto ampie.

 


Scarica l'articolo
Pubblicazioni ed analisi

30/03/2020Corriere Economia: Risparmi, 4 idee per metterli in sicurezza

Su Corriere Economia del 30 marzo intervento i Giuseppe Romano, direttore dell'Ufficio Sudi e Ricerche Consultique SCF, su come mettere in sicurezza i risparmi.

28/03/2020Plus24: Quale rischio si corre usando fondi comuni, ETF e ETC

Su Plus 24 de "Il Sole 24 Ore" di sabato 28 marzo Consultique analizza i rischi dovuti a fondi comuni, ETF e ETC

28/03/2020Plus24: Il denaro depositato in banca è al sicuro grazie alla Bce

Su Plus 24 de "Il Sole 24 Ore" di sabato 28 marzo intervento di Giuseppe Romano, direttore dell'Ufficio Studi di Consultique, sui rischi del denaro depositato nelle banche.

28/03/2020Plus 24: Investire nel mondo - Cina

INVESTIRE NEL MONDO - Tutti gli strumenti per puntare sulla ripresa della economia cinese
visualizza tutti
Condividi linkedin share facebook share twitter share pinterest share
Sigla.com - Internet Partner