Come scegliere il miglior software per consulenti finanziari indipendenti

18/08/2022

Come scegliere il miglior software per consulenti finanziari indipendenti

Sei un aspirante consulente finanziario indipendente (o ti sei recentemente iscritto all’Albo OCF) e stai cercando un software che ti permetta di svolgere al meglio la tua attività?

Per essere profittevoli e concentrarsi sulla parte core dell’attività, è necessario avere in dotazione software, supporto e contenuti di analisi/ricerca che permettano al consulente finanziario indipendente di ridurre al minimo sia i tempi di back office che quelli burocratici.

Ecco una guida pratica su come sceglierlo in base alla nostra esperienza ventennale nel settore della consulenza finanziaria indipendente.

Prima di scorrere in basso è importante fare una premessa: i consulenti finanziari indipendenti hanno un’operatività ed esigenze completamente diverse da quelle del consulente finanziario “tradizionale” di banche e reti. I vari software creati per questi ultimi che si trovano facilmente online (ce ne sono davvero tanti!) non rispondono alla normativa che si applica invece ai consulenti finanziari indipendenti. 

Non basta adottare un software che permetta di creare, ribilanciare o personalizzare il portafoglio dei propri clienti, sarebbe una semplificazione estrema dell’attività del consulente finanziario indipendente.

Differenze tra consulente finanziario indipendente e di banca: leggi l’articolo


Abbiamo riassunto qui 5 punti fondamentali da tenere in considerazione quando un consulente finanziario indipendente (o autonomo) deve scegliere il software da adottare: alcuni sono obblighi normativi altri consigli sulla base della nostra esperienza.

1 - Non occuparsi (o farlo il meno possibile) della parte burocratica legata all’attività

È importante dotarsi di sistemi che permettano di automatizzare il più possibile gli adempimenti richiesti dalla normativa (controllo di adeguatezza del portafoglio e delle raccomandazioni, generazione di rendicontazione mifid compliant, generazione indicatori OCF, salvataggio inviolabile della documentazione, ecc.) e che vengano costantemente aggiornati con l’evoluzione di questa (ad esempio i nuovi adempimenti ESG entrati in vigore ad agosto 2022).

E’ fondamentale inoltre avere a disposizione contrattualistica, policy e procedure continuamente revisionate per non doverlo fare in autonomia. Queste devono dialogare con il software.

2 - Ridurre i tempi di selezione e analisi degli strumenti finanziari

Il consulente finanziario indipendente ha il vantaggio di poter consigliare qualsiasi strumento finanziario presente sul mercato. D’altra parte non può dedicare tutto il tempo che ha a disposizione ad occuparsi di analisi e ricerca (se parliamo di ETP ne esistono oltre 2.500 quotati solo in Europa!).

Diventa così fondamentale per permettergli di liberare il tempo da dedicare alla pianificazione, strategia e relazione con i clienti, disporre di una selezione indipendente degli strumenti finanziari più efficienti che ci sono sul mercato.

3 - Avere sistemi/software che permettano di erogare un servizio di pianificazione finanziaria completo e di qualità

Risulta decisivo avere a disposizione software che permettano di gestire al meglio la posizione finanziaria (database completo di tutti gli strumenti, tool di analisi di singoli strumenti e portafogli, possibilità di gestire la posizione aggregata, generazione di reportistica, ecc.) ma che non si limitino a questo.

Il consulente finanziario indipendente ha l’esigenza di scegliere un software che lo aiuti a fornire il servizio completo di pianificazione previdenziale, assicurativa, immobiliare, successoria a 360° attraverso l’analisi, la creazione di scenari prospettici e la relativa reportistica una tantum e continuativa.


4 - Essere continuamente supportati, aggiornati e assistiti (soprattutto nella fase di start-up dell’attività)

È fondamentale sapere di poter contare, qualora dovesse essercene bisogno, su un supporto costante relativo sia a tematiche qualitative legate all’attività di consulenza finanziaria (asset allocation, strumenti, servizi erogati) che alla risoluzione di problematiche quotidiane direttamente tramite il software.

Inoltre, è fonte di vantaggio competitivo avere a disposizione contenuti di formazione legati all’attività (anche da un punto di vista burocratico/adempimenti) e assistenza in merito all’ampliamento del proprio business e all’implementazione di nuovi servizi da offrire.

5 - Avere piena operatività nella gestione della clientela a distanza

Dal periodo covid è cresciuta l’esigenza di poter gestire a distanza la clientela esistente e potenziale e quindi dotarsi di un software che permetta al consulente finanziario indipendente di disporre di un ambiente criptato all’interno del quale fare call, scambiare i documenti, identificare la clientela in modo compliant alla normativa di Banca d'Italia e firmare tutta la contrattualistica a distanza.

Speriamo che questo articolo ti sia stato utile! Puoi cliccare qui per scoprire la piattaforma più utilizzata dai consulenti finanziari indipendenti in Italia o leggere altri articoli interessanti del nostro blog.

La “Fee Only Platform” è la piattaforma leader in Italia che racchiude tutti i contenuti e i software (creati ad hoc per i consulenti finanziari indipendenti) necessari per lo svolgimento dell’attività, permettendo all’utente di offrire un servizio completo di pianificazione patrimoniale ad elevato valore aggiunto per il cliente.

 

Piattaforma leader per consulenti finanziari indipendenti

Scopri tutti i contenuti e i software
HAI BISOGNO DI AIUTO?
Compila il form e lasciaci un messaggio.
Ti risponderemo entro 48h.